Press

Fire acquista da Monte Paschi di Siena il cluster Mid di un portafoglio di crediti non performing

MILANO – Continua il flusso di novità intorno al Monte dei Paschi, fresco di accordo sindacale: l’istituto toscano salvato dallo Stato ha ceduto un pacchetto di “crediti non performing” per un totale di 3,5 miliardi. Lo rende noto un comunicato della banca, nel quale si specifica che il “portafoglio di inadempienze probabili (Utp) è ridotto nell’anno di circa 1,9 miliardi rispetto a un target di piano di 1,5 miliardi”. La cessione riguarda nel dettaglio un portafoglio di complessivi 2,2 miliardi di euro di crediti unsecured non performing di piccolo importo e consumer credit i cui acquirenti sono Ifis, Credito Fondiario, Fire e Balbec Capital; un portafoglio di 0,9 miliardi di euro di sofferenze leasing ceduto a Bain capital credit e un portafoglio di 0,4 miliardi di euro di inadempienze probabili.

Continua a Leggere

Report PWC sul mercato italiano degli NPL: Fire primo servicer indipendente non quotato

https://www.pwc.com/it/it/publications/npl/doc/the-Italian-npl-market-dec18.pdf

Continua a Leggere

Primo corso sui crediti deteriorati, con possibilità di collaborazione con Fire

Un corso di alta specializzazione in “Gestione e valorizzazione dei crediti deteriorati”, con la possibilità di ottenere, al termine, una collaborazione con Fire, che organizza l’attività insieme all’Ateneo di Messina. È questa l’opportunità offerta a laureati di livello magistrale in Economia (classe LM-56 e LM-77) o magistrale a ciclo unico in Giurisprudenza (classe LMG/01) o in possesso di titoli di laurea equipollenti. Il corso è volto alla formazione di figure esperte nella gestione efficace dei crediti deteriorati, NPL (non performing loans) sempre più richieste dal mercato del lavoro, a fronte di un fenomeno in crescita esponenziale e di non facile soluzione. Il percorso formativo prevede lezioni frontali in formula executive e un periodo di internship e sarà caratterizzato da quattro moduli: tre di formazione frontale d’aula nel settore giuridico, economico-finanziario e aziendale e uno di internship da svolgersi in azienda. Sono […]

Continua a Leggere

FIRE SPA NOMINA CLAUDIO MANETTI NUOVO AMMINISTRATORE DELEGATO

La società leader italiana nel settore della Tutela del Credito rafforza la sua struttura manageriale per affrontare nuove opportunità di crescita FIRE SPA NOMINA CLAUDIO MANETTI NUOVO AMMINISTRATORE DELEGATO Messina, 28 ottobre 2015 – Il Consiglio di Amministrazione di Fire S.p.A., azienda leader italiana nel settore della Tutela del Credito, che si è riunito ieri sotto la presidenza di Sergio Bommarito, ha deliberato la nomina di Claudio Manetti quale nuovo Amministratore Delegato. Claudio Manetti, manager di 55 anni, già Direttore Generale e Amministratore Delegato di Leasys, vanta una lunga esperienza nei servizi finanziari alle aziende e ai privati, sviluppata all’interno del Gruppo Fiat e maturata in ambito nazionale ed internazionale. “Fire ha grandi potenzialità di sviluppo, ma per affrontare con successo le sfide e le opportunità che si presenteranno nei prossimi mesi, è necessario strutturare i processi aziendali e avere modelli di […]

Continua a Leggere

COMUNICATO STAMPA in merito al Provvedimento dell’AGCM

13 settembre 2013 Comunicato Stampa Fire La Fire SPA annuncia di proporre ricorso al TAR del Lazio contro la sanzione amministrativa comminata dall’Antitrust. Il Presidente della Società avverte: “Una eccessiva e non sempre giustificata tutela del consumatore-debitore rischia di mettere in ginocchio l’economia del Paese”. La Fire SPA impugnerà dinnanzi al TAR del Lazio il provvedimento con il quale, il 2 settembre scorso, l’Antitrust le ha comminato la multa da trecentomila euro per “Pratica Commerciale Aggressiva”. E, nel rispetto del principio di trasparenza che da sempre contraddistingue la sua azione, chiarisce quanto segue. L’accusa rivolta a FIRE è che “a fronte di migliaia (4160) di atti di citazione, che risultano essere stati inoltrati su scala nazionale dal luglio 2011 all’aprile del 2013 solo una percentuale bassissima (3,43%) riguarda citazioni instaurate presso giudici di pace competenti per territorio e solo una percentuale altrettanto bassa […]

Continua a Leggere