Fire acquista da Monte Paschi di Siena il cluster Mid di un portafoglio di crediti non performing

MILANO – Continua il flusso di novità intorno al Monte dei Paschi, fresco di accordo sindacale: l’istituto toscano salvato dallo Stato ha ceduto un pacchetto di “crediti non performing” per un totale di 3,5 miliardi.
Lo rende noto un comunicato della banca, nel quale si specifica che il “portafoglio di inadempienze probabili (Utp) è ridotto nell’anno di circa 1,9 miliardi rispetto a un target di piano di 1,5 miliardi”.
La cessione riguarda nel dettaglio un portafoglio di complessivi 2,2 miliardi di euro di crediti unsecured non performing di piccolo importo e consumer credit i cui acquirenti sono Ifis, Credito Fondiario, Fire e Balbec Capital; un portafoglio di 0,9 miliardi di euro di sofferenze leasing ceduto a Bain capital credit e un portafoglio di 0,4 miliardi di euro di inadempienze probabili.

Allegati: